olive

IMPRESE. Poli4Life: filiera ‘green’ all’incubatore di Terni

19 novembre 2018

Dalle acque ‘di risulta’, alla produzione di prodotti cosmetici: c’è chi – grazie al suo lavoro e ad una felice intuizione – fa sembrare questo passo breve. Dietro c’è un progetto ‘made in Umbria’ e l’impegno di chi punta a costruire una filiera ‘green’ in grado di affermarsi su scala nazionale attraverso la sinergia fra due società di Terni: Poli4Life e Bio-Care.

L’intuizione. Ad illustrare il progetto è il responsabile aziendale, Sergio Laliscia: «Nel 2016 – racconta – grazie anche al supporto della Regione Umbria, abbiamo dato vita a Poli4Life Srl, realtà specializzata nell’estrazione di polifenoli dalle acque di vegetazione, ovvero di scarto, dei frantoi oleari. Queste acque rappresentano un rifiuto a tutti gli effetti, da smaltire in base a criteri di legge ben precisi, che noi abbiamo inteso trasformare in materia prima seconda. Presso il nostro stabilimento di strada delle Campore, a Terni, trattiamo le acque ‘di vegetazione’ attraverso un processo chimico e fisico basato su componenti naturali, estraendo un concentrato ad alta percentuale di polifenoli».

Cosa sono i polifenoli? «Parliamo – spiega Laliscia – di sostanze con un altissimo potere anti radicalico, sono anti infiammatori ‘per natura’ tanto che rappresentano l’antibiotico naturale degli olivi. Nell’olio che consumiamo ogni giorno ne resta una minima parte. Molto più alta la concentrazione nelle acque di risulta che sono un po’ il nostro ‘oro’».

Per Leggere l'articolo completo su UmbriaOn

Per maggiori informazioni su Incubatore aziendale di Terni visita la pagina dedicata